Martorell/Jerez de la Frontera, 24/10/2016. – SEAT e Aqualia hanno unito le loro forze per sviluppare l’innovativo progetto SMART Green Gas: l’obiettivo è produrre biocarburante al 100% rinnovabile e di origine spagnola a partire dalle acque reflue, per utilizzarlo sulle vetture alimentate a gas naturale compresso (metano). Nell’ambito della fase iniziale della collaborazione, che avrà una durata di cinque anni, questo mese le aziende hanno eseguito i primi test pilota nell’impianto di trattamento delle acque reflue di Jerez de la Frontera (Cadice). L’accordo di collaborazione prevede che SEAT fornisca ad Aqualia due SEAT Leon TGI per l’esecuzione dei test con il biogas ottenuto dal trattamento delle acque reflue, per confermare e verificare l’intera catena produttiva fino alla produzione e all’utilizzo del carburante.

Questo progetto congiunto rappresenta un passo avanti nello sviluppo di un’economia circolare e nella costruzione di città resilienti. Esso favorirà inoltre la ricerca e la produzione di carburanti alternativi per il settore automotive spagnolo attraverso la produzione di gas rinnovabile di provenienza interamente locale. Ciò consentirà di ridurre le emissioni di CO2 grazie all’uso di vetture alimentate a biogas rispetto alle vetture a benzina, in base al principio “Well to Wheel” (dal pozzo alla ruota).

SEAT è stata promotrice di questa collaborazione, che conferma il suo impegno per trovare una reale alternativa ai derivati del petrolio, in linea con la strategia aziendale a favore dell’impiego del gas naturale compresso (metano) e con un occhio di riguardo alla tutela dell’ambiente. Matthias Rabe, Vicepresidente per Ricerca e Sviluppo di SEAT, ha dichiarato che “grazie agli sviluppi e al progetto di collaborazione con Aqualia, SEAT è diventata il primo marchio nel settore automotive del Paese a impiegare biogas di origine spagnola al 100% ottenuto dal trattamento delle acque reflue”. “Il contributo alla creazione di carburanti alternativi rinnovabili, a tutela dell’ambiente futuro, e l’utilizzo a lungo termine dei veicoli nelle città sono parte integrante della strategia SEAT sul metano”, ha poi aggiunto.

Félix Parra, Direttore Generale di Aqualia, ha sottolineato che “stiamo lavorando per modificare il paradigma attuale e per superare il modello in base al quale il trattamento richiede costi energetici notevoli. Questo progetto è il risultato di un’intensa attività di ricerca sviluppata da Aqualia per ottenere preziose risorse dal processo di trattamento. Riuscendo a sviluppare il progetto Smart Green Gas in un impianto di trattamento delle acque reflue di medie dimensioni, potenzialmente potremo produrre un milione di litri di biogas ogni giorno, la quantità sufficiente per alimentare oltre 300 veicoli. In questo modo le città potrebbero alimentare, ad esempio, la propria rete di autobus urbani, gli automezzi per la raccolta dei rifiuti, le automobili della polizia o le ambulanze”.

SMART Green Gas ha l’obiettivo di ottimizzare e rendere più flessibile il sistema energetico e raggiungere una maggiore sicurezza energetica nell’UE, garantendo autonomia e sostenibilità nelle città in cui tale sistema viene applicato agli impianti di trattamento delle acque reflue. Questo risultato è ottenibile mediante lo sviluppo di sistemi innovativi e altamente efficienti per la produzione di biogas e la conversione in biometano, generati a partire dal trattamento delle acque reflue. SMART Green Gas si propone di ottenere carburante rinnovabile di produzione locale da poter utilizzare nel settore automotive o da immettere nella rete di distribuzione di gas naturale.ork.

Con il sostegno del Centro per lo sviluppo tecnologico industriale (CDTI), il progetto SMART Green Gas è sviluppato grazie alla collaborazione di cinque partner, tra i quali Gas Natural Fenosa e Naturgas EDP, e di diversi enti pubblici di ricerca quali l’Istituto catalano di ricerca sull’acqua (ICRA) e le università di Girona, Valladolid e Santiago de Compostela. SEAT partecipa in collaborazione con Aqualia.